BILANCE ELETTRONICHE

Impensabile ormai, in un moderno Laboratorio, disporre di una bilancia elettronica.
Anzi, poter disporre di una o più bilance è la condizione essenziale per corrette procedure di preparazione.
Non a caso la FU nella tab.6, ne prescrive l’obbligatorietà, secondo determinate caratteristiche: bilancia sensibile ad 1 mg, con portata massima di almeno 500 g.

La dotazione ideale per un Laboratorio galenico che effettua diverse preparazioni, oltre alla bilancia menzionata, potrebbe comprendere anche una bilancia meno sensibile con portata massima maggiore (tipo 3 o 5 kg ) ma soprattutto una bilancia analitica a 4 cifre, sensibile cioè al decimo di milligrammo, qualora si allestiscano sovente preparazioni con dosaggi molto bassi di p.a.
Non tutti infatti considerano che il fatto che una bilancia sia sensibile ad 1 mg, non implica che sia precisissima per piccole pesate. Considerare che per tale tipo di bilancia, la precisione si ottiene per pesate”20 x” la sensibilità (in questo caso 1 mg), se vogliamo che l’errore di pesata sia contenuto nel 5% accettabile.
Per pesate inferiori occorre disporre di una bilancia analitica ( sensibilità 0,1 mg e portata max di circa 120 g -240 g ) oppure ricorrere a diluizioni ponderali per crearsi polveri titolate.

Si ricorda che le bilance elettroniche, vanno sempre mantenute collegate alla rete elettrica; anche se spente, mai scollegare il cavo di alimentazione.

Visualizzazione di tutti i 4 risultati